Risultati

> quali sono i vantaggi

Il vantaggio rispetto ai metodi di banca o con preparati osteoinduttivi, è che si forma un callo fisiologico in tempi brevissimi permettendo il carico sull’arto operato (Foto 1). Inoltre la progressiva correzione dell’asse del ginocchio può essere controllata con la vista e radiograficamente ed arrestata al momento in cui tale correzione sia considerata sufficiente. La rimozione del fissatore è poi ambulatoriale e senza anestesia, essendo indolore.

E’ però importante eseguire buone medicazioni giornaliere e frequenti controlli medici perché, se pure raramente, la zona di passaggio delle viti attraverso la pelle può infiammarsi.

Il P.T.A. è usato da molti anni con risultati clinici ben documentati. In particolare nessun danno vascolare o nervoso e nessun ritardo di consolidazione è mai stato riscontrato. I primi casi operati all’inizio degli anni ’90 con un dispositivo antecedente ma estremamente similare, hanno recentemente avuto bisogno di una sostituzione protesica del ginocchio. E’ avvenuta senza particolari difficoltà o accorgimenti e usando materiali di primo impianto.

L’osteotomia quindi è risultata fondamentale in pazienti giovani andando a ritardare l’impianto di protesi anche di 10 anni.

La correzione del valgismo avviene con tecnica analoga a livello femorale laterale. Anche qui quattro viti, barra laterale, incisione laterale di 3 cm, sezione parziale dell’osso laterale del femore e progressiva distrazione.

In tal caso il decorso è più difficile e il movimento viene raggiunto con più difficoltà perché le viti prima di arrivare al femore attraversano fasce e tessuti muscolari, irritandoli.

Anche i tempi sono simili, intorno ai due mesi, ma nel complesso la stabilizzazione avviene oltre il terzo mese.

Anche con questa tecnica non sono stati descritti danni muscolari e nervosi, mentre qualche caso ha esitato in rigidità e ha richiesto successivi interventi.

L’osteotomia tibiale e femorale sono dei rimedi terapeutici efficaci per prevenire o allontanare l’intervento di protesizzazione.

La tecnica con P.T.A. o P.F.A. si è dimostrata molto valida nel raggiungere gli obiettivi prefissati con alta probabilità di successo.